Allergie crociate: cosa sono e come nascono

8 trucchi di pulizia tradizionali che in realtà non funzionano
27 settembre 2018
Show all

Allergie crociate: cosa sono e come nascono

Lo Sapevi che le allergie crociate nascono dalla somiglianza tra gli allergeni? Più precisamente esse si manifestano perché in molti alimenti sono presenti molecole proteiche simili a quelle che si trovano nei pollini o negli acari della polvere. Queste molecole vengono riconosciute dal sistema immunitario anche dopo ingestione dell’alimento, scatenando – così – la reazione alimentare crociata.

La sintomatologia dell’allergia ai pollini e agli acari è quella più diffusa, chi inala questi allergeni si trova infatti ad avere a che fare con raffreddori, congiuntiviti e asme bronchiali.

In alcuni casi questi sintomi continuano o peggiorano quando vengono ingeriti determinati alimenti, ecco che fa la sua comparsa uno dei sintomi più comune delle allergie crociate che riguardano gli allergici a pollini e acari, la Sindrome Orale Allergica, che si manifesta con prurito, formicolio e gonfiore alle labbra, ma anche di orticaria, disturbi intestinali e nel peggiore dei casi, shock anafilattico.

Queste allergie di solito si manifestano entro un’ora circa dall’assunzione dell’alimento e devono essere comunicati tempestivamente al proprio allergologo di fiducia.

Ma quali sono gli alimenti ai quali bisogna fare attenzione? Gli allergici al polline ad esempio   dovrebbero evitare il miele, mentre chi ha problemi con le graminacee dovrebbe bandire dalla propria dieta il melone, l’anguria, l’arancia e altri agrumi.

Le persone allergiche alla betulla, invece, incontrano reazioni crociate quando mangiano mele, pesche, albicocche e nespole.

Ecco una tabella riepigolativa:

ALLERGENI (pollini e acari) ALIMENTI
Pollini in genere  Miele 
Artemisia  Frutta : anguria, banana, melone 
Verdura:
 camomilla, sedano, zucca
Artemisia e altre composite  Frutta :  anguria, banana, mela,  melone 
Verdura, erbe aromatiche
  anice, camomilla, carota, cicoria, cumino,  coriandolo, finocchio, prezzemolo, sedano,  semi di girasole, tarassaco, zucca
Parietaria  Frutta   ciliegia,  melone, more di gelso 
Verdura, erbe aromatiche
   basilico, ortica, piselli
Olivo  Olive 
Betulla  Frutta  albicocca, arachidi, carota, ciliegia, banana, fragola, lampone, mandorla, mela,  melone, nespola, noce, nocciola, pesca, pistacchio 
Verdura, erbe aromatiche
  finocchio, patata, sedano
Nocciolo  Nocciole 
Ambrosia  Frutta  anguria, banana, melone 
Verdura
   camomilla, sedano, zucca
Acari della polvere  Crostacei, lumache di terra e di mare e – più raramente – mitili (ostriche, cozze e vongole)

Naturalmente non tutte le persone allergiche ai pollini hanno necessariamente un’allergia crociata agli alimenti e non tutti gli alimenti elencati nella tabella danno allergie nella singola persona.

È importante rivolgersi ad uno specialista così da comprendere a pieno il problema.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *